facebook gooplus twitter youtube pinterest

testata-interna

Siamo spettatori ogni giorno di fatti drammatici e di violenza, apparentemente lontani da noi.

Nello stesso tempo viviamo quotidianamente insoddisfazioni, ingiustizie, difficoltà di rapporti di coppia, di amicizia, di lavoro, ecc.

Ma la nostra realtà esistenziale è così lontana e diversa da quello che accade nel mondo?

A ben vedere, i tanti eventi che accadono dentro e fuori di noi sono tutti tra loro collegati e ci riguardano direttamente.

La realtà esterna è piuttosto una “cassa di risonanza” dei nostri vissuti più personali.

E, viceversa, i nostri vissuti personali contribuiscono, anche se in modo non evidente, a ciò che accade nel mondo.

L’odio che silenziosamente coltiviamo nelle nostre relazioni crea lo stesso campo di energia distruttiva di quello del terrorista che compie in modo eclatante un attentato.

Per nostra fortuna, però, accade la stessa cosa, in positivo, anche per l’amore e la creatività.

Sentire il mondo come un organismo in cui tutte le cose, piccole e grandi, sono interconnesse tra loro - cosa ormai suffragata anche dalla scienza - ci consente di uscire da quell’impotenza che ci fa sentire impossibile incidere positivamente su ciò che accade; ci da inoltre il potere e la fiducia che, cambiando noi stessi e le nostre relazioni, possiamo migliorare la nostra vita e contribuire a migliorare il mondo.

Se partiamo da noi stessi, cosa ci può aiutare?

Il ritrovare, da un lato, il contatto con le radici e con le leggi della vita riconoscendo il nostro principio paterno. Dall’altro, innanzitutto dare spazio ed ascolto al principio materno, nelle sue capacità di dono, di accoglienza, di trasformazione e di saper vedere la bellezza anche nella devastazione e nel dolore.

Affronteremo questi temi attraverso la visione del film “Il segreto di Esma” (Grbavica) di Jasmila Zbanic.

A questo primo avviso seguirà una locandina più dettagliata, con la chiave di lettura del film e i laboratori di arte esistenziale

Per saperne di più sui week end di arte esistenziale, clicca qui: Gli stages residenziali

Per informazioni ulteriori, 335.6137864, 335.8222962, 06.33261224

Richiedi informazioni sulla scuola